Nobili Rubinetterie è un’azienda dal DNA completamente italiano: fondata a Borgomanero nel 1954 da Carlo Nobili, già nel 1960 produce la prima serie di rubinetti partendo da tecnologie innovative per la lavorazione di ottone di alta qualità.

Nobili realizza rubinetterie di qualità a prezzi competitivi: una scelta che, unita ad una grande concretezza, ha caratterizzato la ricerca industriale dell’azienda oggi guidata dai figli Alberto, Pierluigi, Maria Grazia e dal nipote Carlo Alberto Nobili. Il Made in Italy è una filosofia di vita aziendale che non ritiene importante il design fine a se stesso, anche se Nobili si è avvalso di designer importanti come Pininfarina e ha vinto il premio Compasso d’Oro.I dati di produzione sono ciò che fa la differenza ”, dice Alberto Nobili, “e la qualità per noi, conta più di tutto ”. Del resto, dovendo fornire un unico prodotto per l’Italia e per l’estero, l’azienda ottempera alla normativa più restrittiva, garantita da importanti certificazioni internazionali, in modo da poter esportare ovunque.

Questo fa riflettere anche sulla qualità della plastica e dell’ottone utilizzati,  che non rilasciano alcun elemento tossico. Ne è garanzia il fatto che le cartucce plastiche vengono prodotte all’interno dell’azienda, testate per resistere a 70 atmosfere di pressione. Anche l’ottone utilizzato è di altissima qualità, completamente privo di piombo.

Negli anni ‘80 con l’avvento delle nuove tecnologie di miscelazione Nobili Rubinetterie sviluppa la cartuccia a dischi ceramici  CARTUCCIA NOBILI WIDD® che è il cuore tecnologico del miscelatore. Risparmio idrico, innovazione e sicurezza: a differenza delle normali cartucce infatti, l’acqua raggiunge il vertice del miscelatore scorrendo esternamente al profilo di Nobili Widd, diminuendo così drasticamente l’usura meccanica, evitando depositi di calcare e garantendo una perfetta funzionalità del meccanismo.

Dal 2015  In pochi anni Nobili Rubinetterie ha consolidato la propria posizione diventando il primo marchio italiano in termini di numero di pezzi. Con gli ultimi importanti investimenti effettuati in macchinari di ultimissima generazione, sarà raddoppiata la propria produzione entro il 2020.

Nobili è anche l’unica azienda in Europa con il 100% del ciclo di produzione della rubinetteria all’interno dei propri stabilimenti. In pratica 9 aziende in un unico polo produttivo. Dalla tornitura alla pressofusione dell’ottone; dallo stampaggio delle componenti plastiche alla cromatura e poi lucidatura, lavorazioni laser, confezione, stoccaggio, gestione dei ricambi.

Nel corso degli anni sono avvenute importanti acquisizioni, come Cgs, specializzato in colonne vasca e componenti doccia; Aquademy, dedicato alla progettazione di ambienti wellness; Rubinetterie Stella 1882, sinonimo di lusso e artigianalità italiana.

Il fiore all’occhiello dell’azienda sono i miscelatori da cucina: dal 1954 Nobili Rubinetterie ha sviluppato ricerca nel settore per le più importanti aziende produttrici di cucine dando vita a diversi modelli di miscelatori. Le collezioni di rubinetteria da cucina disegnate per Nobili da Meneghello Paolelli Associati coniugano ergonomia ed efficienza tecnologica grazie a linee imponenti con bocche di erogazione che ruotano completamente fino a 360°, doccette estraibili con una sola mano, pensate per garantire la massima libertà di movimento.  Grazie a regolatori dinamici di portata e limitatori di energia, le nuove rubinetterie contribuiscono ad abbattere drasticamente i consumi in cucina.

Lo stabilimento di Suno (NO) si sviluppa oggi su una superficie di 100.000 metri quadrati ed è classificato come «Zero Emission Company» grazie a un impianto fotovoltaico in grado di assicurare la completa autonomia energetica e di garantire la tutela dell’ambiente. Grazie all’elevata automazione, la manodopera incide solo per il 9%. In questo modo, 250 persone sono riuscite a produrre ben 3,5 milioni di pezzi nel 2017.

Sono circa 2.800.000 gli articoli venduti all’anno, con 80 brevetti. Possono esserci fino a 133 componenti e 25 materiali per un solo prodotto. Tutto ciò ha reso Nobili più competitiva della Cina del 35%, con una qualità che attira anche i mercati competitor, come la Germania e la Cina stessa. Il 72% della produzione è, infatti, destinato al mercato estero.

Dal prossimo autunno saranno integrati in un unico sistema operativo tutti i vari sistemi di produzione, post produzione e marketing, archivio e codici ricambi. Grazie anche alla massima automatizzazione del processo,  l’azienda avrà un controllo totale e in tempo reale di ogni aspetto della produzione, della vendita e del servizio al cliente. Tutto ciò con grande attenzione ai consumi energetici e al riciclaggio di ogni componente delle lavorazioni.

E’ il caso del truciolo di ottone che viene purificato dal lubrificante utilizzato nella fase di tornio per essere nuovamente trasformato in barra. Lo stesso lubrificante viene recuperato e immesso nuovamente nei circuiti di utilizzo. Anche i due impianti di cromatura sono interamente a ciclo acque chiuso, con un recupero del 100% dell’acqua di scarto, poi utilizzata per il raffreddamento delle macchine.

Ma la filosofia Nobili non finisce qui: seguendo l’esempio degli imprenditori illuminati di fine ‘800, sono stati costruiti quartieri residenziali per i dipendenti limitrofi all’azienda. Inoltre, è a disposizione una scuola materna per i figli.