Modigliani Art Experience, la mostra dedicata ad Amedeo Modigliani, da poco conclusasi al MUDEC – Museo delle Culture di Milano, ha ottenuto un grande successo, coinvolgendo il visitatore in un emozionante racconto multisensoriale.

A cura di Valentina Gavarini

Nell’ambito del palinsesto artistico-culturale che il Comune di Milano ha dedicato quest’anno al Novecento italiano, il MUDEC – Museo delle Culture di Milano ha proposto un’esperienza artistica unica. Questo sia per la scelta dell’artista del ‘900 sia per la collaborazione che ne è nata tra i musei del Polo Arte Moderna e Contemporanea di Milano. Modigliani Art Experience si è rivelato un affascinante racconto, ricostruito attraverso immagini, suoni, musiche, evocazioni e suggestioni, che ha ricomposto davanti agli occhi del visitatore l’universo di Amedeo Modigliani pittore e scultore, permettendogli di proiettarsi nel contesto parigino di cui l’artista fu assoluto protagonista.

Prodotta da 24 ORE Cultura e promossa dal Comune di Milano-Cultura e con il supporto scientifico dei conservatori del MUDEC e del Museo del Novecento di Milano, Modigliani Art Experience si è proposto come un vero e proprio excursus multisensoriale, arricchito da opere di confronto.

Una rappresentazione multimediale totalmente immersiva ideata da Crossmedia Group e curata da Francesco Poli, ha avvolto il visitatore in una vera e propria “experience room”, introducendolo nel mondo bohémien di Amedeo Modigliani, nella sua esistenza da esule livornese nella Montmartre e nella Montparnasse dei primi del Novecento. Ha mostrato le sue muse, amanti e ispiratrici, e soprattutto ha evocato la sua arte, l’influenza del primitivismo e in particolare della scultura africana, egizia e cicladica.