A Saluzzo si festeggia Bodoni: nel bicentenario dalla pubblicazione del Manuale tipografico bodoniano – edizione postuma del 1818 – l’illustre saluzzese viene presentato attraverso i suoi luoghi e le sue opere.

Giambattista Bodoni, incisore, tipografo e stampatore, nasce a Saluzzo nel 1740. La fama di Bodoni si diffonde nell’ambiente culturale in seguito all’incarico di direttore della Stamperia Reale del Duca di Parma. Bodoni è noto in tutto il mondo per i diversi tipi di font da lui creati, in genere di aspetto molto elegante e formale. Nel Manuale tipografico si possono ammirare centinaia di caratteri diversi e l’arte compositiva del tipografo, le caratteristiche e la bellezza del lavoro di Bodoni.

Accompagnati dalla guida di CoopCulture, l’itinerario “Omaggio a Bodoni” conduce i visitatori ai luoghi della memoria – la casa natale, il monumento che lo raffigura – e ai Fondi Storici della Biblioteca Civica, nella prestigiosa sede dell’Antico Palazzo dei Vescovi. Qui è ospitata l’importantissima Collezione Bodoniana, una cospicua collezione delle sue opere che egli stesso fece pervenire alla propria città natale sia durante la propria vita sia per legato testamentario. La responsabile dell’Archivio Storico del Comune di Saluzzo disserterà sul tema della stampa. Saranno posti in visione e commentati numerosi volumi antichi di estremo interesse, oltre al Manuale Tipografico del Bodoni.

Il prossimo appuntamento con la visita guidata “Omaggio a Bodoni”, già sperimentata nel marzo scorso, è il 17 giugno con ritrovo e partenza dall’Ufficio Turistico IAT, in piazza Risorgimento, 1, a Saluzzo alle ore 15.00. Il costo è di 5 euro a persona, gratuito per i ragazzi con meno di 12 anni. Inoltre “Omaggio a Bodoni” viene inserita tra le proposte per i gruppi e per le scuole. La visita guidata si potrà prenotare nell’arco di tutto l’anno.

Per informazioni e prenotazioni: n. verde 800392789, email saluzzo@coopculture.it,  Ufficio Turisticio IAT, piazza Risorgimento, 1, 12037 Saluzzo.