Tendenze colore 2019: Save the Planet, sono le reali tendenze per il 2019, che cambiano raccogliendo suggestioni e accostamenti unici e ogni stagione è anticipata dal trend book: una guida completa sulle linee cromatiche ed estetiche per la moda.

Sono questi i reali colori e accostamenti, presentati da Milano Unica, che dobbiamo seguire anche nell’interior. Non è certo il “colore dell’anno Pantone”, che viene scelto oltre oceano senza un preciso rapporto interdisciplinare, a indicare la strada, ma la vera sfida  per il 2019 è quella di unire eccellenza e sostenibilità ambientale, nelle Tendenze colore 2019 “Save the Planet” e nella sua analisi del contesto contemporaneo. È un impegno importante e ambizioso, peraltro imprescindibile, che chiama in causa tutti gli attori delle filiere e invita a un vero e proprio cambio negli approcci creativi e produttivi, fondato su rispetto dell’ambiente e delle risorse, consapevolezza nei processi di lavorazione, ricerca e sviluppo su nuove tecnologie.

 

Ma è anche una scelta innovativa e lungimirante per un mondo, quello della moda, il cui ruolo è quello di saper interpretare la contemporaneità e al tempo stesso saperne ispirare i cambiamenti. “Save the Planet” sarà quindi il punto di partenza e lo stimolo verso una creatività attenta e responsabile, capace di garantire il rispetto del nostro pianeta senza mai rinunciare alla bellezza e allo stile. Senza il coinvolgimento diretto e irrevocabile dell’industria tessile non può esistere una moda sostenibile. Dal tessile per la moda, il passo è breve al tessile d’arredamento e all’arredamento stesso. Una sequenza a cascata che coinvolge tutti.

E quale modo più suggestivo e coinvolgente per affermare questo richiamo all’amore per il pianeta, se non una celebrazione dei suoi elementi primari e fondanti, che sono anche alla base della vita di ognuno di noi? Si ritorna così alle basi della vita e agli elementi primordiali del pianeta : Aria, Acqua, Terra, interpretati con colori, tessuti, accostamenti inusuali, materiali di recupero e proposte audaci per immaginare dove ci porterà il costante evolversi dei cambiamenti del mondo contemporaneo.

  

Il tema dell’Acqua si sviluppa attraverso l’evocazione di elementi del mondo della nautica, dalle vele impermeabili alle cime e corde, dagli argani ai tralicci e ai timoni in legno e titanio, fino alla tecnologia dei materiali in continua evoluzione che caratterizzano l’esplorazione del mondo subacqueo, come le mute o gli scafandri da palombaro.

  

Per la Terra, la visione è purista e suggerisce un nuovo minimalismo nei materiali come cotoni e lane, sete e lini, in versione “vergine”, cioè organici, selvaggi se pure morbidi e leggeri.

  

Per quanto riguarda l’Aria, si interseca eterea leggerezza e tecnologia all’avanguardia. I materiali, tulle stratificati, rasi variopinti da colori cangianti, micro applicazioni luminose, rimandano ad un immaginario di leggerezze impalpabili e di eleganza senza tempo.

Traslando queste tendenze nell’Interior, ne risultano ambienti rilassanti, morbidi, a volte materici e a volte eterei, dove le principali palette colori si fondono in modo armonico: l’armonia della natura che stiamo perdendo.

    

Globo, T-Edge CollectionDesalto, Ply

    

Arper, Cuscini Christian Fischbacher, Newtopia

  

Nobili Rubinetterie, DressFap ceramiche, Milano&Wall

Ma il settore si sta rivolgendo attivamente anche alla salvaguardia del pianeta: PURA© di Pixie è una collezione di pavimenti e rivestimenti che non contiene solventi e non emette sostanze nocive ne durante la posa ne dopo, lascia un gradevole aroma, è biocompatibile e le materie prime non causano danni ne all’organismo, ne agli ecosistemi della biosfera.

  

Il depuratore a osmosi inversa AC SLIM di Culligan (nella foto in cucina Poggenpohl Milano) fornisce un’acqua pura, leggera, priva di odori ed eventuali sostanze inquinanti, direttamente dal proprio rubinetto di casa. E’ possibile azzerare l’acquisto di bottiglie d’acqua in plastica, diminuendo enormemente l’impatto ambientale, sia in termini di emissione di anidride carbonica, sia di inquinamento da plastica. Per le dimensioni contenute, si può inserire nel sotto lavello o nel sotto zoccolo della cucina.